bonassola

I pirati della baja vivono la magia del gioco 

e condividono l'entusiasmo della "Generation"

"Circolo dell'innovazione"

SUPPORT THE CHILDREN

Giacomo Agazzini
felice murtas.jpeg

Matteo Basei, Giacomo Agazzini, Felice Murtas, co-fondatori

dell'Associazione i Pirati della baja del "Circolo dell'innovazione" 

- Giacomo Maria Agazzini -

Capitano dei Pirati della baja

del "Circolo dell'innovazione"

che dà vita al

Matteo Basei, azionista Exor e Presidente del "Circolo dell'innovazione" condivide l'intendo di dar vita ad un circolo culturale con un focus sull'innovazione. Con i suoi amici.. da vita alla Generation - cioè generazione - che condivide valori, spirito ed aspirazioni - cioè fonte generativa - con chi condividendo ciò si prodiga nel dar vita al "Circolo". Ecco a voi i tre Matteo:

Generation dei Pirati:

della baja del "Circolo dell'innovazione"

Corrobora l'entusiasmo che ho visto riverberare in Alessandro Destefanis e che risuona con il mio spirito fondativo. Chiamo subito Edoardo Riconosciuto, amico storico, con cui condivido responsabilità nel Consiglio Direttivo del "Circolo dell'innovazione". L'idea è spontanea ed immediata. Dar il via alla Generazione dei Pirati, selezionato gruppo coeso ed entusiasta di cogliere la chiamata della Generation del "Circolo dell'innovazione".

La ciurma BAM-BAM:

Perché una ciurma? Perché BAM BAM?

Perché visto che dobbiamo giocare.. giochiamo! 

Diventare il Re dei pirati.

Così Luffy, il protagonista di un famoso cartone animato, affermava il suo sogno. 

La ciurma BAM-BAM racchiude nel suo nome le iniziali dei cognomi dei miei amici con cui ho dapprima iniziato questo avventura ed a cui, nella mia mente mi riferisco per "tornare a casa" ed aver riferimento, come bussola di condivisione del significato delle dinamiche evolutive ed esperienziali. 

La ciurma BAM-BAM dunque prende il nome dall'acronimo Basei - Agazzini- Murtas - Barale - Aprà - Mesiano che sono parte della costellazione che compone lo Sferogramma del "Circolo dell'innovazione". 

Pirati per richiamare lo spirito della ciurma di One Pieces e del suo desiderio ardente.

Pirati in onore alla squadra di Steve Jobs per dar vita al Macintosh.

Pirati perché ci piace l'idea di essere liberi, indipendenti, nel rispetto del "codice" (Jack Sparrow) è infatti il terzo dei nostri riferimenti. 

In data 01 maggio 2018, scegliendo la data simbolica della celebrazione "dei lavoratori"

ho organizzato un incontro per far conoscere tra di loro i miei amici, Felice Murtas e Giacomo Agazzini. In tale occasione, condividendo l'intendo di amplificare la spirare della gratitudine e forti dello spirito del manifesto del "Circolo dell'innovazione", abbiamo deciso di dar vita al sodalizio denominato: i Pirati della baja. Partecipando al Gran Galà di costituzione del "Circolo dell'innovazione", diamo vita all'Associazione i Pirati della baja:

Il nostro CAPITANO:

Ho scelto il Maestro Giacomo Maria Agazzini come Capitano

per un gesto simbolico di umiltà da parte mia e perché riconosco il valore dei trasferimenti culturali generazionali. Ho scelto un musicista, perché la musica è vita, è creatività, è disciplina, è abnegazione, è arte.

 

Reputo lui possa - tramite il suo spirito - essendo lui stato il miglior violinista in Italia, ed ora docente del Conservatorio di Torino, che la nostra città può annoverare tra le sue perle rare, ed eccellenza mondiale in quanto a musica classica, culla della scuola violinistica piemontese del barocco '700. 

Un personaggio eclettico, mitologico. Coraggioso. Molto lontano da me, molto lontano come testimonianza di vita dalla maggiorparte di tutti voi. Lui è come una balena in finanza, come Sergio Marchionne nel club degli amministratori delegati, come Steve Jobs. Nel suo mondo è a quel livello.

Ha avuto l'ardore di sperimentare, di innovare, e di andare verso un nuovo tipo di contaminazione tra classica e vari tipi di altre forme di arte musicale. Ha coltivano una sensibilità ed un senso d'etica ineccepibile, che spesso è fonte di ispirazione per me. Come se il suo orecchio sublime gli permettesse di connettersi con frequenze dell'universo e dello spirito che sono di difficile sintonizzazione. 

Per questi motivi, ed altri innumerevoli che se avrete la fortuna di entrare in empatia con il Maestro avrete - forse / spero - l'onore d'intender, in data 11 luglio 2019, contestualmente alla costituzione del "Circolo dell'innovazione" di Torino; è stato nominato quale nostro Presidente d'Onore.